Vini: i migliori d’Italia di quest’anno nella guida di Luca Maroni

Ventidue vini, l’eccellenza, hanno ottenuto il punteggio di 99. Maroni: vini di qualità eccezionale. Le etichette premiate nelle diverse categorie

Vini: i migliori d’Italia di quest’anno nella guida di Luca Maroni

Sono 22 i vini dell’eccellenza premiati da Luca Maroni nella XXI ° edizione dell’Annuario dei Migliori Vini Italiani nel corso di una cerimonia che si è svolta a Roma.

“La vendemmia 2019 – afferma Maroni – è stata di grande qualità anche se non abbondantissima in quantità. I vini presenti nell’annuario 2020 sono vini del 2018 e 2017 di qualità eccezionale, in particolare i rossi del 2017, i migliori dal 1985. Il vino in questi anni sta assumendo sempre di più un valore intrinseco qualitativo, con uve sempre più ricche e sempre meglio trasformate enologicamente dai produttori. La parola d’ordine è: profumo, profumo, profumo! Si berrà sempre più con il naso, perché a fare la differenza sono già gli aromi e i sentori che assumono una consistenza quasi palpabile.”

Ed ecco di seguito i grandi vini che hanno ottenuto il massimo punteggio, 99, nalla Guida 2020:

Roma Doc Rosso Edizione Limitata 2016;

Poggio Le Volpi (Roma, Monteporzio Catone), Thanks 2018;

Di Lenardo Vineyards, Tabano Bianco 2018;

Montecappone, Merlot Rosato 2018;

Tenuta Ulisse, Merum Barbera 2017;

Bellicoso, Barbera D’alba Elena La Luna 2017;

Roberto Sarotto, Caravaggio Rosso 2017;

Cantine Romagnoli, Prezioso 2016;

Ravazzi Vini Di Toscana, Gran Maestro Italiano Governo All’uso Toscano 2017;

Riolite E Luscious Lotto Unico Governo Uso Toscano Igt 2016;

Terrescure, Commendator Enrico 2015;

Lornano, Edizione Cinque Autoctoni Sa;

Fantini; Farnese Vini, Janù Montepulciano D’abruzzo 2016;

Jasci & Marchesani, Querciantica Lacrima Di Morro Superiore 2018;

Velenosi, Roma Rosso Collezione Privata 2018;

Federici, Eremo San Quirico Irpinia Campi Taurasini Doc 2016;

Nativ, Kapnios 2016;

Masseria Frattasi, Masso Antico Primitivo Appass. 2018;

Schenk Italian Wineries, Cosmo Rosso Terre Siciliane Igp 2018;

Bollina, Quarantanni Rosso Riserva 2017;

Colomba Bianca, Sole Di Sesta 2016;

Ben Ryé 2017 Donnafugata.

Di seguito i vini premiati quindi per le diverse categorie: Miglior rosso, Miglior bianco, Miglior rosato, Miglior vino dolce, Miglior prosecco e Miglior spumante charmant.

Categoria: rossi

Gran Maestoso Primitivo 2018; ALBEA

Matidia Cesanese 2017; Casale del Giglio

Montepulciano d’Abruzzo Semis Limited Edition 2012; Collefrisio

Carmignano Sancti Blasii 2015; Colline San Biagio

Montiano 2017; Famiglia Cotarella

Es 2016; Gianfranco Fino

Aglianico Sannio 2017; Il Poggio

Aglianico del Taburno 2015; La Fortezza

Toscaia 2018; La Loggia Wines

Primitivo di Manduria Morante 2017; La Pruina Vini

Vignamorello Gutturnio Doc Superiore 2018; La Tosa

Rubesco Riserva Vigna Monticchio 2015; Lungarotti

Mirea Primitivo di Manduria 2018; Masseria Borgo dei Trulli

Amarone Classico 2015; Monteci

Mantello 2017; Sensi

Rosso Bastardo 2017; Signae;

Dragone Rosso 2017; Tenute Lento

Opera N. 3 Vinum Italicum 2017; Tinazzi

Traluna 2017; Villa Trasqua

Categoria Bianchi

 Perlaia Vermentino Vendemmia Tardiva 2018; Bruni

Sesto 21 Sauvignon 2018; Casata Mergè

Chardonnay Lafóa 2017; Colterenzio

Grand Cuvée Beyond The Clouds 2017; Elena Walch

Donna Giovanna 2018; Tenuta Iuzzolini

Categoria rosati

Donna Daria Baon fior d’arancio passito 2016 – Conte – La Montecchia

Categoria dolci

L’autentica 2017; Cantine Del Notaio

Dindarello 2018 – Maculan

 Categoria spumanti

Superiore di Cartizze Docg Spumante Dry 2018; Andreola

Arzanà Valdobbiadene Superiore Cartizze Docg sa; Astoria Vini

Prosecco Extra Dry Millesimato Andrea Biasiotto 2018; Biasiotto Vini

1868 Cartizze Valdobbiadene Superiore Dry sa; Carpenè Malvolti

Miglior spumante charmant

Virbio sa; Cantine Silvestri 1929

Stella Clara Extra Dry sa; Capizucchi; Divino Amore

Pinot Nero Spumante Charmat Extra Dry sa – Vanzini

Nelle categorie speciali sono stati conferiti i premi per il miglior vino biodinamico a Dei Pinti 2018 nero d’avola/nerello; Nicolò Grippaldi, per il miglior vino secondo l’indice acquistabilità a Leonardo da Vinci chianti vitruviano 2018 Cantine Leonardo da Vinci, e per il miglior produttore secondo l’indice qualiquantitativo a Barbanera – Duca di Saragnano.

Nel corso della manifestazione Maroni ha presentato i progetti dell’Hortus Vini, dedicato alla valorizzazione dei vitigni autoctoni, realizzato presso l’Orto Botanico di Roma, unico al mondo per aver riunito 155 (degli oltre 500) vitigni autoctoni italiani.

Share this post

Post Comment