Si chiama pizza napoletana ma le migliori sono di Caserta

La classifica di 50 top pizza che ha laureato le migliori pizzerie d’Italia e quindi del mondo. L elenco completo dei primi 50 locali premiati. Franco Pepe resta sempre il primo affiancato da Francesco Martucci. In testa Ciro Salvo, Sorbillo e i fratelli Salvo napoletani. Ma anche una pizzeria veneta e due romane

Si chiama pizza napoletana ma le migliori  sono di Caserta

Si chiama Pizza Napoletana ma la migliore al mondo la fanno a Caserta. La classifica delle migliori pizzerie di Italia e del mondo di 50 Top pizza 2019 il concorso on-line ideato da Barbara Guerra, Albert Sapere e Luciano Pignataro ha laureato nel corso di una cerimonia al teatro Mercadante di Napoli due vincitori ex aequo Franco Pepe della pizzeria Pepe in Grani di Caiazzo e Francesco Martucci de I Masanielli di Caserta. Il primo non è una novità, ha già vinto la prima e la seconda edizione del premio e resta dunque inamovibile dal vertice dei pizzaioli italiani.

Terzo posto per Ciro Salvo di 50 Kalò di piazza Sannazzaro a Napoli che si è aggiudicato anche la medaglia d’oro per la migliore pizzeria in Europa con il suo frequentatissimo locale di Londra. A seguire grandi certezze della pizzeria napoletana: Gino Sorbillo ai Tribunali; il veneto Simone Padoan de I Tigli; i fratelli Francesco e Salvatore Salvo con il locale di Chiaia a Napoli che si è aggiunto alla storica casa madre di San Giorgio a Cremano; La Notizia 94 di Enzo Coccia; Seu Pizza Illuminati, pizzeria affermatasi nel quartiere gianicolene Roma, Casa Vitiello, sempre a Caserta e La Gatta Mangiona, secondo e storico locale romano a entrare in classifica fra i primi dieci. 

Ad essere rappresentate in classifica sono ben 14 regioni da Nord a Sud dello Stivale, per un quadro complessivo che sottolinea la crescita qualitativa media nell’intero Paese. Naturale il dominio della Campania nella top 50, con ben 18 insegne presenti. Oltre a Napoli, madrepatria della pizza, la provincia di Caserta si conferma l’eldorado del disco di pasta più amato dagli italiani. Lusinghiera la performance del Lazio (con 7 pizzerie) e della Lombardia (6), con Roma e Milano a farla da padrone. Seguono il Veneto (4), ormai altra scuola conclamata, l’Emilia Romagna (3), il Piemonte, la Toscana e la Sicilia (tutte a quota 2). Con un locale infine Liguria, Marche, Abruzzo, Basilicata, Puglia e Sardegna.

Equa distribuzione geografica anche per gli ambitissimi premi speciali. Il Premio Olitalia Pizzaiolo dell’anno 2019 è andato a Pier Daniele Seu di Seu Pizza Illuminati (Roma), il quale, con la pizza Crucifere, crema di senape e nocciole, si aggiudica anche il Premio Pizza Vegana dell’anno. Il Premio S.Pellegrino & Acqua Panna Giovane Pizzaiolo dell’anno 2019 va a Lorenzo Sirabella di Dry Milano, mentre la Pizzeria Da Lioniello, di Succivo (CE), vince il Premio Solania Pizzeria Novità dell’anno 2019. Il Premio D’amico Pizza dell’anno 2019 è per la Cosacca di Francesco&Salvatore Salvo (Napoli).

I risultati di 50 top pizza toccano il prodotto principe e più antico della gastronomia napoletana, Patrimonio Unesco, e quindi suscitano anche commenti appassionati da vera e propria tifoseria calcistica perché la pizza è nel cuore dei napoletani e ognuno la vede e giudica con gli occhi del cuore. 

“C’è chi è contento, chi no, chi si sente onorato, chi sminuito – commenta Luciano Pignataro – Ma una considerazione è possibile farla: sono state talmente tante le aperture di altissima qualità in tutti questi mesi in tutte le regioni che lo scossone alla classifica è evidente, sia in salita che in discesa. Solo un incompetente può considerare il mondo della pizza fermo, non c’è settore più dinamico e in movimento di questo e le aperture che lasciano a bocca aperta non si contano. Quindi, direbbe Lapalisse, chi si ferma non è perduto ma va indietro. Tutto qui. Di molto? Di poco? Di quanto e perché di tanto? A queste domande non c’è che una risposta: rileggersi i principi ispiratori di 50TopPizza per capire che contano il pizzaiolo, la pizza, l’ambiente, la pizzeria, la carta dei vini, delle birre, il servizio, i bonus”.

Qui di seguito la classifica completa:

1 – Pepe in Grani – Caiazzo (Caserta)

1 – I Masanielli Francesco Martucci – Caserta

3 – 50 Kalò di Ciro Salvo – Campania – Napoli

4 – Gino Sorbillo ai Tribunali – Campania – Napoli

5 – I Tigli – Veneto – San Bonifacio (Verona)

6 – Pizzeria Francesco e Salvatore Salvo – Campania – Napoli

7 – Pizzaria La Notizia 94 – Campania – Napoli

8  – Seu Pizza Illuminati – Lazio – Roma

9 – Casa Vitiello – Campania – Caserta

10 – La Gatta Mangiona – Lazio – Roma

11 – Pizzeria La Notizia 53 – Campania – Napoli

12 – Saporè – Veneto – San Martino Buon Albergo (Verona)

13  – Pizzeria Starita – Campania – Napoli

14 – Berberè – Emilia Romagna – Castelmaggiore (Bologna)

15 – Da Zero – Lombardia – Milano

16 – Francesco e Salvatore Salvo – Campania – S. Giorgio a Cremano (Napoli)

17 – Cocciuto – Milano

18 – La Masardona – Campania – Napoli

19 – Patrick Ricci. Terra, Grani Esplorazioni – Piemonte – San Mauro Torinese (Torino)

20 – Pignalosa Pizzeria – Campania – Salerno

21 – 10 Vitagliano – Campania – Napoli

22 – Apogeo – Toscana – Pietrasanta (Lucca)

23 – Pizzeria O Scugnizzo – Toscana – Arezzo

24 – Pizzeria In Fucina – Lazio – Roma

25 – Pizzeria Da Attilio – Campania – Napoli

26  – O Fiore Mio – Emilia Romagna – Faenza

27 – Sammarco – Campania – Frattamaggiore (Napoli)

28 – Pizzeria Tonda – Lazio – Roma

29 – Da Lioniello – Campania – Succivo (Caserta)

30 – Pizzeria Da Ezio – Veneto – Alano di Piave (Belluno)

31 – Piccola Piedigrotta – Emilia Romagna – Modena

32 – Dry – Lombardia – Milano

33 – I Masanielli Sasà Martucci – Campania – Caserta

34 – Grigoris – Veneto – Mestre

35  – Officine del Cibo – Liguria – Sarzana (La Spezia)

36 – Fandango Racconti di Grano – Basilicata – Scalera (Potenza)

37 – Enosteria Lipen – Lombardia – Triuggio (Monza Brianza)

38 – Giangi Pizzeria Gourmet – Abruzzo – Arielli (Chieti)

39 – Frumento – Sicilia – Acireale (Catania)

40 – Framento – Sardegna – Cagliari

41- La Braciera – Sicilia – Palermo

42° – Marghe – Lombardia – Milano

43° L’Osteria Birra del Borgo – Lazio – Roma

44 – L’Osteria Pizzeria Perbacco – Morra (Cuneo)

45 400 Gradi – Puglia – Lecce

46 Pizzeria Pupillo – Lazio – Frosinone

47 Lievito Madre al Duomo – Lombardia – Milano

48 – Isabella De ham – Campania – Napoli

49° Pizzeria Mamma Rosa – Marche – Ortezzano

50 Sbanco – Lazio – Roma

Share this post

Post Comment