Sassicaia San Guido 2015: migliore vino al mondo nella classifica di Winespectator

Grande affermazione dei vini italiani, ben 19 entrano nella top 100 della prestigiosa rivista americana. Al terzo posto il Tenuta delle Terre Etna S. Lorenzo 2016

Sassicaia San Guido 2015: migliore vino al mondo nella classifica di Winespectator

E’ un Sassicaia Tenuta San Guido 2015 il vino numero uno al mondo. Lo ha proclamato la giuria di Winespectator, l’autorevole rivista americana che ogni anno pubblica la lista dei 100 migliori vini dell’anno.  Il nostro Sassiccaia,  ha ottenuto 97 punti precedendo uno dei più prestigiosi vini mondiali il mitico St.-Emilion 2015 di Château Canon-La Gaffelière.

Una bella soddisfazione per il più famoso vino italiano nato quasi per una scommessa nella Tenuta San Guido di Mario Incisa della Rocchetta a che celebra quest’anno i 50 anni della prima annata messa in commercio. La casa toscana aveva già avuto in passato un prestigioso 4° posto nella classifica redatta dagli esperti di Winespectator che analizzano ogni anno oltre 15.000 etichette dei cinque continenti.

Al terzo posto altra importante affermazione di un vino italiano, il Tenuta delle Terre Etna S. Lorenzo 2016

In totale sono 19 i vini italiani che hanno ottenuto un posto al sole dell’autorevole rivista USA. Ci sono al n.9 Tenuta delle Terre Etna S. Lorenzo 2016, al n. 11 Carpineto Vino Nobile di Montepulciano Riserva 2013, al n.13 Produttori di Barbaresco Rabaja Riserve 2013; al n.15 Canalicchio di Sopra Brunello di Montalcino 2013; al n.17 Caparzo Brunello di Montalcino 2013,  al n.19 S. Felice Chianti Classico 2016; al n. 24 Antinori Toscana Tignanello.

E ancora: al n.51 Radikon Vwenezia-Giulia Slatnik S. Label 2015, al n. 54  Terre del Barolo Undicicomuni  Arnoldo Rivera 2013, al n. 60 Fontodi Chianti  Classico Villa del Sorbo Gran selezione 2015, al n. 67 Tiefenbrunner Pinot grigio Vigneto delle Dolomiti 2017, al n. 73 Pra Soave classico Otto 2017,  al n. 76 La Stoppa Emilia Trebbiolo 2014, aln. 81 Librandi Val di Neto White Critone 2017, al n. 88 Paolo Scavino Barolo 2014, al n. 96 Tabarrini Montefalco Sagrantino Colle alle macchie 2013 e al n. 99 Cleto Chiari e Fuigli Lambrusco di Sorbara  del fondatore 2016

La Toscana si conferma come la regione dei vini di eccellenza italiani seguita dal Piemonte con 3, da Emilia Romagna  e Sicilia con  2; seguite da Umbria, Friuli Venezia Giulia e Trentino Alto Adige che hanno piazzato 1 vino ciascuno.

Consulta la classifica sul sito di Winespectator

Share this post

Post Comment