Mozzarella bufala: bloccato commercio in Spagna di mozzarelle taroccate

La Mozzarella di Bufala Campana, un prodotto di successo all’estero, vittima sempre più di contraffazioni. Di fronte a una produzione che ammonta a 600 milioni di euro si stima che il mercato delle frodi si aggiri intorno ai 500 milioni di euro. Oggi l’ultimo autogol

Mozzarella bufala: bloccato commercio in Spagna di mozzarelle taroccate

Piace molto all’estero il formaggio italiano:  nel 2018 ha segnato un record storico delle sue esportazioni con un aumento del 8% in quantità rispetto al 2017 che già fu un anno d’oro per i nostri produttori che esportarono 412 milioni di chili di formaggio made in Italy.  Ma tanto successo ha anche i suoi risvolti negativi. Se il formaggio piace, e diventa un forte business,  produttori disonesti ci si buttano a capofitto imitando le nostre eccellenze enogastronomiche.  Ultima notizia – ma solo in ordine di tempo –  viene dalla Spagna dove grazie all’intervento dell’Ispettorato Centrale Repressione Frodi del Ministero delle politiche agricole alimentari è stato attivato sulla piattaforma del Food Fraud Network, la Rete Europea contro le frodi alimentari, un un alert per le autorità spagnole per bloccare  a tutela dei produttori italiani ma anche dei  consumatori iberici un commercio illegale  di mozzarella di bufala “autentica”  realizzata invece che con latte di bufala con comune latte vaccino”.

“ Il nostro sistema di controlli è riconosciuto tra i migliori al mondo e ancora una volta lo abbiamo dimostrato – ha commentato  il ministro Gianmarco Centinaro  – per questo ringrazio gli ispettori dell’ICQRF che difendono ogni giorno il buon nome delle nostre produzioni con verifiche capillari anche su web, un grande lavoro di squadra a livello di verifiche e anche istituzionale, che ci vede in prima linea non solo a tutela dei consumatori ma anche dei produttori onesti”.

La scoperta della frode in Spagna è l’ultima di una infinita serie. Pochi giorni fa, grazie al monitoraggio dei mercati esteri effettuato dal Consorzio di tutela della Mozzarella di Bufala Campana dop si è scoperto che in Belgio produttori disonesti confezionavano in loco, vendendola a 30 euro al chilo a una nota catena di supermercati di Bruxelles, “autentica” mozzarella di bufala campana.  E altra scoperta, sempre in tempi recenti, era avvenuta in Germania. Anche in quel caso immediata era scattata la segnalazione da parte del Consorzio all’Ispettorato Centrale Qualità e Repressione Frodi del Ministero delle politiche agricole che a sua volta aveva avviato la procedura prevista dalla UE con la responsabilità diretta di ogni Stato membro per definire le ipotesi di illeciti e le conseguenti azioni giudiziarie.

Fra i formaggi italiani la Mozzarella di Bufala Campana si pone ai primi posti sia a livelli di esportazione, dopo il Parmigiano, il Grana padano e il Gorgonzola sia di produzione  con un valore di 600 milioni di euro, assicurato da 1.500 allevamenti e circa 20.000 addetti. Il 38 per cento della produzione va ai mercati esteri. Un comparto produttivo importante per la nostra economia  che va tutelato soprattutto dalle frodi. Si stima infatti che il mercato perso all’estero fra frodi e pubblicità ingannevoli ammonti a circa 500 milioni di Euro.

Condividi

Commenta