Massari, re della pasticceria, apre un Pop up natalizio alla Stazione Termini di Roma

Nel temporary store del grande pasticcere solo prodotti confezionati fra cui i suoi celebri panettoni. E’ l’esordio a sorpresa del maestro bresciano nel travel retail. Possibile una replica a Pasqua. Un’idea vincente in tempi di limitata mobilità da Lookdown

Massari, re della pasticceria, apre un Pop up natalizio alla Stazione Termini di Roma

L’annuncio è stato dato con una brevissima nota sul sito Facebook del Grande Maestro della pasticceria italiana, Iginio Massari, lo chef che ha elevato la cultura della pasticceria made in Italy alla sua massima espressione, riconosciuta non solo in Italia ma anche all’estero, lo chef che nella sua lunga carriera ha collezionato più di 300 tra concorsi vinti, premi e riconoscimenti nazionali e internazionali: “Da oggi Pop up presso la #Stazione Termini #Roma. Buona giornata! Panettone-Panettone al cioccolato-Pandoro-Praline-Biscotti-gelatine-Macarons”. Seguito da una foto della location, tutta vetri, 40 metri quadrati, nel corridoio centrale della stazione, ovvero nel luogo di massima visibilità.

Tanto è bastato per mandare in visibilio migliaia di fan del patron de “La pasticceria Veneta” di Brescia considerato un santuario, una tappa obbligata per tutti i golosi d’Italia.

In pochi minuti sono arrivati migliaia e migliaia di commenti da ogni parte, con qualche gelosia di qualche ammiratore che si è chiesto perché a Roma e non a Milano, ignorando che Massari a Milano è già presente con una pasticceria all’interno della Filiale Banca Intesa di Via Marconi, così come è presente a Torino in piazza Cln, dove in un locale che si estende su una superficie di 300 metri quadrati con 70 posti a sedere  aperto l’anno scorso si possono gustare le sue celebrate monoporzioni come la Foresta Nera con pan di spagna, amarene e cioccolato fondente; la Reale alla Pera con mousse e gelatina di pere; la Mousseline Caramello con la sua glassa al caramello o il famoso tiramisù. 

Fatto sta che la notizia è di quelle che fanno rumore. Al momento si tratta solo di un Temporary Store, che resterà aperto fino al 7 gennaio, con una insegna semplice ma significativa “Iginio Massari, Alta Pasticceria” per deliziare i palati di quanti passano quotidianamente per la stazione della capitale, che potranno così assaggiare sul posto le creazioni del grande Maestro – solo prodotti confezionati fra i quali primeggiano i suoi superpanettoni- o portarsele a casa per festeggiare in famiglia le festività natalizie che, quest’anno avranno bisogno di molte dolcezze per consolare i tristi momenti che stiamo vivendo.

Così come la notizia è giunta a sorpresa è impossibile profetizzare un futuro romano per Massari, ma certamente lo store della Stazione Termini è l’esordio assoluto della Pasticceria Veneta nel travel retail grazie alla formula temporary proposta da Retail Group e Grandi Stazioni Retail e questo potrebbe preludere a una nuova prospettiva di vendita. Già si parla di una riapertura a Pasqua.

Nonostante la crisi Massari si mostra quindi fiducioso,

“Abbiamo iniziato con le vendite online già 7-8 anni fa – ha dic hiarato recentemente in una intervista – ora lo strumento si sta rivelando fondamentale, i risultati sono ottimi. Ma quello che più mi fa piacere è riscontrare che il 70% della clientela torna a fare acquisti online: vendere una volta è facile, vendere più volte alle stesse persone è una conferma del buon lavoro che facciamo”.

E comunque il Pop Up di Stazione Termini è un indirizzo che non tarderà ad essere seguito da molti. L’enogastronomia italiana, in tempi di crisi, ha bisogno di inventiva e nuovi sbocchi commerciali. E i temporary store possono in parte risolvere i problemi della ridotta mobilità degli italiani in tempo di Lokdown.

Condividi

Commenta