Le Saline di Puglia, le più grandi d’Europa, diventano francesi

Il gruppo francese Salins du Midi, uno dei più forti al mondo nel settore, si appresta a rilevare le Saline pugliesi dopo aver estinto un debito di 5,4 milioni di euro con il Monte dei Paschi

Le Saline di Puglia, le più grandi d’Europa, diventano francesi

Le saline più grandi d’Europa sono in Puglia, ma stanno per diventare francesi. La notizia è stata data dal Sole 24 Ore: le Saline di Margherita di Savoia, area naturale protetta istituita nel 1977 e dalla superficie di 4.500 ettari (su una fascia di terra lunga 20 km), nella Provincia di Barletta-Andria-Trani, sono state acquisite dai francesi di Salins du Midi. Quello transalpino è uno dei colossi mondiali del settore, peraltro già presente da tempo in Italia: dal 1981 ha acquisito Compagnia italiana sali (Cis), con sede in provincia di Rovigo. 

Il Sole riporta che l’ingresso ufficiale di Salins, atteso tra settembre e ottobre, avverrà non attraverso l’acquisto diretto di quota ma rilevando un debito (garantito da azioni) che Atisale, controllata da Salapia, ha maturato verso il Monte Paschi di Siena. L’operazione ha un valore di 5,4 milioni, in seguito alla gara lanciata appunto da Mps, con cui la banca ha ceduto crediti per 16,7 milioni erogati a Salapia-Atisale (Atisale è la spa controllata da Salapia Sale, concessionaria fino al 2029). A garanzia dei crediti sono state rilasciate nel 2011 fidejussioni e pegni sul 100% di azioni Atisale e sul 77,44% di azioni Salapia. Escutendo le garanzie, Salins acquisisce il controllo delle due società perché i crediti messi sul mercato da Mps sono appunto legati ad azioni delle due società.

Le saline di Margherita di Savoia, oltre ad essere un piccolo gioiello naturalistico, sono anche una miniera di sale dalla intensa produttività: la produzione media annua di sale è di circa 6 milioni di quintali.

Share this post

Post Comment