Le Figaro: otto santuari gastronomici da non perdere a Napoli

L’autevole quotidiano francese dedica un servizio ai santuari della gstronomia napoletana. Otto indirizzi da non perdere per chi arriva a Napoli. Ristoranti, bar, pasticcerie e paninerie. Per entrare nel cuore dell’anima napoletana

Le Figaro: otto santuari gastronomici da non perdere a Napoli

Le Figaro l’autorevole quotidiano francese, fondato nel 1826 sotto Carlo X, che prese il nome dal celebre personaggio della trilogia di Beaumarchais, considerato il più longevo giornale fra quelli ancora in pubblicazione e anche il più diffuso con 320 000 copie di vendita celebra con un ampio servizio la gastronomia napoletana.

Il giornale propone otto indirizzi da annotare, un florilegio di ristoranti, pizzerie, pasticcerie, paninerie, per i turisti che vanno a Napoli, santuari del gusto da non perdere per entrare nel cuore e nella storia della cucina e della gastronomia napoletane.

“Napoli – scrive Olivier Reneau, autore dell’inchiesta – è senza dubbio l’unica città al mondo a essere stata oggetto di un libro di cucina: in circa 500 pagine, La Cucina napoletana racconta tutto sulla gastronomia locale. Le sue influenze marine – i famosi spaghetti alle vongole vengono da qui – e terrestri con cibi emblematici come farina e semola di grano per fare la pasta – pasta e pizza – pomodoro di San Marzano e mozzarella prodotta nella regione, vicino alla periferia della città. Per un napoletano la pizza nasce inevitabilmente qui. Una prelibatezza che ogni visitatore della città deve assolutamente assaggiare.

Il primo indirizzo sicuro di Olivier Reneau è:

Pizzeria Concettina ai Tre Santi

Se dovessi mangiare solo una pizza durante uno scalo a Napoli, scrive il giornalista, questa pizzeria sarebbe senza dubbio nella short list. Potrebbe essere necessario attendere un po’, non tanto per il tempo di cottura – poco più di un minuto – quanto per la notorietà acquisita da Ciro Oliva. Il giovane ristoratore ha fatto di questa azienda di famiglia nel quartiere Sanità un simbolo del rinnovamento della pizza napoletana, con prodotti di qualità degni di alta gastronomia e soprattutto un impasto gustoso e digeribile.

A seguire:

Gino Sorbillo Lievito Madre al Mare di Via Partenope

“Di fronte al Golfo di Napoli, Gino Sorbillo Lievito Madre al Mare. Questo non è necessariamente il posto dove ti aspetti di trovare una delle migliori pizzerie di Napoli. Di solito sono limitati agli stretti e ombreggiati vicoli del centro storico della città. Ma la famiglia Sorbillo, una delle etnie pizzaiole più antiche e famose della città, ha scelto di aprire una delle loro “filiali” di fronte alla baia. Sulla terrazza, sul lungomare, puoi banchettare al sole con una vera Margherita (pomodoro, mozzarella e basilico), una Napoli (pomodoro, mozzarella, acciughe e capperi), o anche una pizza Fritta Napoletana (un calzone cotto nella frittura), una specialità di Sorbillo”.

Scaturchio a Piazza San Domenico Maggiore

Scarturchio è un must dello snacking à la napolitaine. Non appena avrai gustato i tesori di questo caffè-pasticceria, le sfogliatelle in particolare, la pausa caffè diventerà presto un’abitudine. In piedi al bancone, caffè in una mano, dolcezza avvolta in un tovagliolo nell’altra, per discutere di tutto e di niente con il vicino del momento. Dura 3 minuti, ma che piacere… A meno che tu non voglia prenderti il ​​tuo tempo e gustare un panino a uno dei tavolini in terrazza nella magnifica piazza San Domenico Maggiore.


Al Cucciolo Bohemien di Vico Boerio

Desideri un fascino autentico, tanto per l’arredamento quanto per il piatto, chiede Renau ai lettori di Le Figaro? Pronta la risposta a colpo sicuro: “Non esitate a correre nei vicoli del quartiere spagnolo. La zona è ora piena di indirizzi spesso su misura per turisti che non hanno familiarità con le sottigliezze culinarie partenopee. Ma da Al Cucciolo Bohemien la tradizione culinaria è dal 1963 un affare di famiglia che resta incontaminata.

Zio e nipoti sono responsabili della gestione di questo tavolo da cucina del mercato dove i piatti sono semplici e sinceri: caprese (il nome locale per pomodoro-mozzarella), paccheri alla pescatora, pesce del giorno all’acqua pazza (con olio, pomodori, aglio, vino bianco e cotto in padella).

Mimì alla Ferrovia in via Alfonso D’Aragona

Anche se devi sapere come trovarlo, questo indirizzo è una leggenda a Napoli; basta guardare le foto dei personaggi che ricoprono tutte le pareti di questo ristorante aperto nel 1943 da Emilio Giugliano, alias Mimì. A quel tempo, lo stabilimento era vicino alla stazione ferroviaria di Napoli, da cui il nome.

La stazione è stata spostata ma è rimasto il soprannome di “alla ferrovia” e l’indirizzo è diventato uno dei luoghi più alti della ristorazione napoletana dove si viene a gustare la cucina popolare – insalata di polpo, pasta di patate, merluzzo con crema di fagioli bianchi… – in un contesto un po’ borghese con topping e ragazzi in giacca bianca.

Europeo Mattozzi in via Marchese Campodisola

“A due passi dal terminal dei traghetti e dall’università, l’ambiente emana subito una certa serietà e si avverte subito che metà della clientela è composta da habitué, estimatori dell’ambiente ordinato del luogo. Tuttavia la cortesia e i buoni consigli sulle ricette attuali sono gli stessi per gli ospiti di passaggio in questa elegante trattoria dalle pareti riccamente decorate con quadri. Si viene qui ad assaggiare i classici della gastronomia locale: una bella mozzarella di bufala, una pasta cozze e fagioli, un frito misto …”

Salumeria Upnea in via San Giovanni Maggiore Pignatelli

“Nel cuore del centro storico, questo indirizzo ha tutta l’osteria napoletana, con i suoi portoni in ferro, stile garage, che contrastano con la nicchia religiosa arroccata sulla facciata. Qui, che si tratti di preparare un panino, un hamburger o un piatto pronto, l’approccio punta soprattutto sulla qualità dei prodotti, tutti provenienti da piccoli produttori del napoletano. Un indirizzo da frequentare tanto per un pasto veloce, un aperitivo o una cena per più in un’atmosfera molto artistica che caratterizza il locale.

Si chiude quindi con un’ultima preziosa indicazione:

Antica Latteria di Vico II Alabardieri

“Nella parte “mondana” e chic del quartiere Chiaia – a due passi da E. Marinella o Tramontano in particolare – alle persone eleganti piace giocare sul contrasto affrettandosi a pranzare all’Antica Latteria. Un modo per ricordare che qui un pasto è un momento di condivisione da non prendere alla leggera. L’indirizzo gioca quindi la carta dei piatti della tradizione napoletana – frittata di verdure, zuppa di ceci e castagne, polpette al ragu – da gustare in una sala da pranzo senza fronzoli”.

Condividi

Commenta