La ricetta di Umberto Amato: ravioli di cappasanta e crostacei con curcuma e salvia

Alfiere della cucina salutista Umberto Amato Chef de La Fontanina a Monte Argentario proporne ai lettori di First&Food un suo classico, un piatto dal sapore deciso di mare e di terra che sprigiona grandi profumi, ma fornisce anche benessere all’organismo per l’uso di tre erbe medicamentose. Un concetto che dovremo sempre più tenere presente in futuro.

La ricetta di Umberto Amato: ravioli di cappasanta e crostacei con curcuma e salvia

Antiossidante, in grado di proteggere la pelle dai radicali liberi responsabili dell’invecchiamento; antinfiammatoria e antidolorifica per i suoi effetti antiflogistici su tessuti e cartilagini affetti da dolori muscolo-scheletrici; dotata di proprietà immunologiche e quindi valido aiuto nel combattere infezioni virali e batteriche; depurativa delle tossine in grado di garantire il buon funzionamento della cellula epatica e dell’intestino; antitumorale; digestiva per la sua accertata capacità di riequilibrare l’apparato digerente da disturbi gastrici e intestinali proteggendo le pareti dello stomaco: la Curcuma, spezia naturale di origine asiatica conosciuta da secoli per le sue straordinarie proprietà curative è una vera e propria farmacia ambulante che ha conosciuto grande fortuna negli ultimi tempi nella dieta degli italiani.

Il sommacco siciliano (Rhus Coriaria), spezia dal sapore agrumato, si ottiene da una pianta originaria dell’Europa meridionale e del Medio Oriente, molto diffusa in Italia allo stato spontaneo. Da millenni il sommacco è utilizzato in cucina e nella medicina tradizionale per le sue proprietà antibatteriche,antinfiammatorie e antiossidanti.

Delle proprietà della salvia non vale neanche la pena di parlarne, troppo sono note da tempi immemorabili. Già il nome Salvia la dice lunga, la radice è quella della parola Salvezza e prima dell’avvento delle moderne erboristerie i nostri nonni vi facevano ricorso per regolare il ciclo mestruale, per cicatrizzare le ferite, per calmare le infiammazioni dentarie, per favorire il sonno e donare sollievo mentale, per eliminare funghi o batteri, per limitare le manifestazioni di sudore, per depurare il fegato.

Alfiere della cucina salutista Umberto Amato propone ai lettori di First&Food un suo classico, un piatto dal sapore deciso di mare e di terra che sprigiona grandi profumi, ma fornisce anche benessere all’organismo per l’uso di tre erbe medicamentose. Un concetto che dovremo sempre più tenere presente in futuro.

Ingredienti:

Per i ravioli

300 gr di farina 00

3 uova intere

1 cucchiaino di olio evo

150 gr di polpa di cappasanta

80 gr di gamberi rosa

Olio evo q.b.

1 spicchio d’aglio in camicia

1 cucchiaio di prezzemolo tritato

Per la salsa

1 cucchiaino raso di Curcuma in polvere

2 foglie di salvia fresca

Cipolla tritata e messa in olio di Girasole (maturata)

50 gr di latte intero

Sommaco

Procedimento

Saltiamo in una padella con l’olio evo e l’aglio in camicia (che a fine cottura toglieremo), la polpa pulita delle cappesante ed i gamberi puliti a cui abbiamo precedentemente tolto l’intestino.

Una volta ben rosolati (pochi minuti), aggiungiamo il prezzemolo fresco e facciamo raffreddare. Tritiamo a coltello grossolanamente su un tagliere ottenendo un composto compatto.

Facciamo una sfoglia di pasta fresca con le uova, la farina e l’olio, tiriamo molto sottile con una sfogliatrice (macchina per tirare la pasta) e con il composto precedentemente ottenuto facciamo dei ravioli che metteremo a bollire al momento del servizio.

In una padella mettiamo due cucchiai di olio alla cipolla maturata (senza la cipolla per evitare che si bruci),

la salvia sminuzzata e la curcuma; facciamo tostare leggermente e blocchiamo la cottura con un mestolo di acqua di cottura dei ravioli.

Scoliamo i ravioli nella salsa che avrà un bel colore giallo ocra che andremo a schiarire con il latte, tirando la salsa alla giusta consistenza.

Impiattiamo e spolveriamo con Sommaco in polvere per dare un contrasto acidulo al piatto che contrasti la dolcezza del ripieno.

Condividi

Commenta