La ricetta classica della Tiella di Gaeta

A Gaeta ogni famiglia custodisce gelosamente la sua ricetta de La Tiella, antico piatto della tradizione gastronomica. Se ne coscono diverse varianti e tutte saporite. La ricetta originaria è molto semplice e rispetta la povertà della sua nascita

La ricetta classica della Tiella di Gaeta

Come sempre accade con alcuni piatti tipi della tradizione che hanno una lunga storia legata al territorio, anche per quanto riguarda la Tiella di Gaeta ogni famiglia, ogni casalinga, ogni nonna conserva la sua ricetta e la custodisce gelosamente come quella vera e originaria, da non confondersi con quella che fanno gli altri o che si trova nei negozi di alimentari. La Tiella di Gaeta non fa eccezione a questa regola. E’ indubbiamente un piatto povero ma nella semplicità dei suoi componenti locali  ( che possono variare, alcuni mettono anche le cozze, altri la cipolla, altri la scarola, filetti di acciuga e capperi) sprigiona profumi e sapori di freschezza inconfondibile. Ed è anche di facile esecuzione.

Ingredienti

500 g di farina

20 g di lievito naturale

3 cucchiai di olio di oliva

200 ml di acqua tiepida

1 kg di polpi o calamari bolliti

100 g di olive di Gaeta snocciolate

100 g di pomodori pelati

Prezzemolo

Peperoncino

Sale

Preparazione:

Mettere il lievito, il sale e l’olio in una ciotola. Aggiungere la farina man mano fino ad ottenere un impasto omogeneo, lavorandolo per almeno 10 minuti.

L’impasto così ottenuto va avvolto da uno strofinaccio e messo a lievitare per almeno mezz’ora in ambiente caldo. Nel frattempo si può procedere con il ripieno: si tagliano a pezzetti  i polpi o calamari  che sono stati fatti bollire e li si condisce con olio, prezzemolo, peperoncino, pomodori pelati, e le olive snocciolate.

Si prende quindi una metà dell’impasto e lo si stende con un matterello fino a ottenere una sfoglia dello spessore inferiore ad un centimetro che va adagiata in una teglia rotonda  precedentemente  unta con olio modellandola alle pareti. Con l’altra metà preparare un disco di pasta che servirà poi a copertura

Versare ora il ripieno, che si sarà nel frattempo insaporito, nella teglia e coprire con il disco di pasta facendo attenzione a unire bene i lembi esercitando una lieve pressione su tutto il bordo.

Infornare la tiella di Gaeta a 180°C per almeno 30 minuti, fino a far diventare la pasta ben dorata. Servire tiepida

Condividi

Commenta