Frutta, allarme in Campania per la “mosca orientale”

Allarme dalla Campania: la mosca orientale sta assalendo i frutteti, con enormi danni – Il ministro Centinaio (Lega) rassicura: è tutto sotto controllo, è stato predisposto un piano, trasmesso anche alla commissione europea.

Frutta, allarme in Campania per la “mosca orientale”

Allarme per la frutta della Campania: la “mosca orientale della frutta” è stata riscontrata in due aree della regione meridionale. Si tratta della prima segnalazione non solo per l’Italia ma anche per l’Europa di questo parassita che danneggia gravemente le colture ortofrutticole. E’ una specie con un ciclo di riproduzione molto veloce. E’ altamente polifaga e può attaccare oltre 400 specie di piante, sia fruttifere, che orticole. Le fruttifere fortemente interessate sono melo, pero, pesco, albicocco, fico, susino. Tra le orticole, invece, si teme per il pomodoro. Di solito sono i frutti maturi quelli preferiti dalla mosca orientale della frutta per la deposizione delle uova. Tuttavia, alle volte, anche quelli immaturi possono essere attaccati.

Il danno al frutto è dato proprio da questa attività, nonché dallo sviluppo all’interno del frutto della larva. La larva, sviluppandosi fino ad emergere, danneggia il frutto, che diventa inservibile, cade dall’albero e spesso marcisce. Altra particolare caratteristica della mosca orientale della frutta, probabilmente rafforzatasi nel tempo, è la sua notevole resistenza ai pesticidi chimici. 

Ma il ministro delle politiche agricole, Gian Marco Centinaio, rassicura i produttori campani: tutto monitorato, tutto sotto controllo, dice, rispondendo alle preoccupazioni espresse in una interrogazione del deputato di Forza Italia Paolo Russo. Proprio a seguito dell’individuazione degli adulti della mosca della frutta la Campania ha eseguito rilievi anche nei campi limitrofi a quelli contaminati e “dagli oltre 3.300 campionamenti sia su pianta che a terra, non è stata riscontrata la presenza di sintomi nè di esemplari di riconducibili a bactrocera dorsalis” (nome scientifico della mosca orientale della frutta, ndr). E comunque – ha puntualizzato il ministro – in considerazione dell’elevato rischio che tale organismo rappresenta, il comitato nazionale fitosanitario ha tempestivamente istituito un gruppo di lavoro con esperti e ricercatori. Non solo: a febbraio è stato approvato un piano di sorveglianza nazionale che include un piano d’emergenza in caso di ulteriori ritrovamenti. Piani che sono stati poi trasmessi alla commissione europea.    

Ma come può essere arrivata in Italia, e nella fattispecie in Campania, la mosca della frutta? Probabilmente – secondo l’ufficio centrale fitosanitario della Campania – in seguito all’ingresso di frutta infestata non regolamentata proveniente da Paesi terzi o attraverso frutta per consumo personale contenuta nei bagagli dei passeggeri provenienti dall’estero.

Share this post

Post Comment