Birra artigianale, successo da oltre 8 mila marchi

E’ un vero e proprio boom: alla fine del 2018 si contano infatti in Italia 667 birrifici artigianali e 284 beer firm (produttori di birra in esercizi terzi). Le marche di prodotto risultano essere invece 8.388.

Birra artigianale, successo da oltre 8 mila marchi

Bionde e scure da sempre fanno dividere. Ma mai come in questi ultimi anni si parla di loro, soprattutto se artigianali. Insomma la guerra tra Guelfi e Ghibellini in Italia sembra, per un motivo o un altro, non avere termine anche se nel mondo delle birre a mettere in silenzio i duellanti è la birra artigianale che li fa gongolare per il prolificare sul territorio di birrifici artigianali: alla fine del 2018 si contano infatti lungo lo Stivale 667 birrifici artigianali e 284 beer firm (produttori di birra in esercizi terzi). Le marche di prodotto risultano essere invece 8.388.

Note positive arrivano anche sotto l’aspetto occupazionale: confrontando il 2017 con il 2015, le realtà che occupano da 1 a 5 addetti sono cresciute del 57%, con 551 nuovi posti di lavoro (+60%), mentre quelle con più di 50 addetti sono aumentate del 36%, con 206 nuove assunzioni (+4%). Il quadro di settore tracciato da Beer Attraction (manifestazione di Italian Exhibition Group svolta alla fiera di Rimini dal 16 al 19 febbraio) registra inoltre che Il settore birrario, nel suo complesso, genera un fatturato di 8,6 miliardi con consumi stimati a fine 2018 di quasi 13 milioni di ettolitri. Di questi, il 58% è venduto nella grande distribuzione e il resto nel dettaglio tradizionale e nell´HoReCa, settore- spiegano gli analisti- che continua a conservare un ruolo fondamentale: ristoranti, bar, pub e pizzerie rappresentano infatti il 41% dei consumi di birra e generano il 75% dei ricavi del settore birrario italiano.

Entrando poi nella sfera della grande industria del settore i grandi impianti di produzione di birra presenti nel Paese sono 14 e occupano 87.660 addetti. L’ indotto è di 115mila posti. Scendendo invece nell’analisi dei consumi la birra sembra sempre più importante nel fuoricasa, dove genera ricavi annui per oltre 6 miliardi di euro. In particolare negli ultimi 5 anni il consumo di birra in Italia è aumentato del 44% e la birra è sempre più spesso considerata bevanda da gustare tutto l´anno e non più solo in determinati periodi, anche se circa il 50% dei consumi si registra tra maggio e settembre. Il quadro di settore registra inoltre che oggi il 77% degli italiani beve birra e il 55% lo fa tutte le settimane. L´86% la consuma a casa, l´81% anche nei locali. Su dieci birre comprate, il 42% degli italiani ne beve circa la metà in locali, con valori simili in tutte le aree del Paese.

Infine dal punto di vista enogastronomico per il 2019 sembra affermarsi una nuova tendenza che arriva dalla West Coast americana che guarda alle bollicine della Francia e dell’Italia: sono le Brut Ipa, produzioni brassicole caratterizzate da una luppolatura decisa, spiccata secchezza e aspetto limpido, al punto da ricordare la bevibilità di champagne e spumante.

Share this post

Post Comment