Birra artigianale italiana, oro alla New York Beer Competition

La Cotta 21 dei Mastri Birrai Umbri si aggiudica la medaglia d’oro nella competizione internazionale di New York per la categoria Belgian Style. Bronzo anche per la Cotta 28 Belgian Strong.

Birra artigianale italiana, oro alla New York Beer Competition

Grande affermazione della birra artigianale made in Italy a New York. La Cotta 21 Italian Blonde Ale dei Mastri Birrai Umbri si è aggiudicata la medaglia d’oro nella categoria Belgian Style WitBier alla 9^ edizione della New York International Beer Competition. E i Mastri Birrai Umbri hanno conquistato anche la medaglia di bronzo con la Cotta 68 Italian Golden Ale nella categoria Belgian Strong Pale Ale.

Al concorso internazionale, di altissimo livello, che si è tenuto al West Club di fronte al Rockfeller Center sono state valutate oltre 600 etichette di birra provenienti da 14 paesi diversi di tutto il mondo per un totale di 30 categorie di birra. Il panel dei giurati, esclusivamente composto da buyers, ha giudicato le birre sia per la loro categoria che per il prezzo effettivo.

Entrambe le birre premiate sono realizzate con materie prime umbre e nazionali, nel rispetto della loro caratteristica artigianale da filiera agricola italiana. Creata dalla selezione del miglior farro italiano e del miglior malto d’orzo, la Cotta 21 è una bionda artigianale non filtrata e rifermentata in bottiglia, realizzata appunto con malto d’orzo, farro (35%), luppolo, lievito: è una birra equilibrata, piacevole e fresca (con 5,6% di grado alcolico). Ispirata alla tradizione delle Strong Ale, la Cotta 68 è una bionda doppio malto non filtrata, realizzata con puro malto d’orzo e luppolo: una birra dai profumi e sapori intensi e fruttati con un grado alcolico più importante (7,5%).

“Ciò che distingue questo concorso dalle altre competizioni internazionali sulle bevande è che il panel di valutatori alla cieca è composto da operatori del mondo del commercio”, racconta Marco Farchioni, manager di Mastri Birrai Umbri. “Alla competizione sulla birra svoltasi a New York City – continua Farchioni – siamo stati giudicati pertanto dai buyers dei negozi al dettaglio, dai sommelier, dai beverage director dei ristoranti, dagli albergatori, dai distributori e dagli importatori. Si tratta di giudici qualificati, il cui successo dipende direttamente dalle loro competenze, che conoscono veramente ciò che i consumatori desiderano, poiché ricevono quotidianamente i loro feedback su ciò che è buono e che venderà. Tutto ciò per noi è motivo di grande orgoglio e soddisfazione. Prima di tutto perché viene riconosciuto a livello internazionale il rapido progresso qualitativo della birra artigianale italiana e, in particolare, di quella umbra. E poi perché vuol dire che le nostre scelte aziendali, sempre ispirate dall’attenzione verso i consumatori, sono state azzeccate”.

“Oltre ad essere una destinazione importante per gli amanti del cibo e dei viaggi, New York City è una metropoli dove vivono e lavorano numerosi professionisti del settore beverage, riconosciuti a livello nazionale e internazionale. È inoltre la capitale dei media con possibilità enormi di diffusione dei nostri prodotti nazionali. Ecco perché ricevere un premio in questa città – conclude Farchioni – è un risultato che deve dare spinta e convinzione a tutto il movimento della birra artigianale in Italia. Non siamo nuovi a questo genere di premi, avendo già conquistato 4 medaglie – 2 ori, 1 argento e 1 bronzo – tra il 2017 e il 2018: questo ci riempie ancor più di soddisfazione ma anche di responsabilità nei confronti della nostra clientela”.

Condividi

Commenta